Domande frequenti...

Consulta quì le risposte alle domande più ricorrenti

Studi Associati
Studio Empoli
Dott.ri Scapecchi-Tedino-Terziani
Studio Vaiano
Dott. Capitani
Studio Castelfranco
Dott. Vieri Brandaglia
Studio Firenze
Dott. Gennaro Di Marzo
Studio Scandici
Dott.ssa Mannelli

Domande Frequenti

Molti pazienti arrivano alla nostra attenzione per un problema improvviso, come il distacco di una protesi o un trauma, altri lo fanno dopo aver rimandato per mesi o anni un problema cronico, come il sanguinamento delle gengive o l’alitosi. Altri ancora sottovalutano le avvisaglie di un mal di denti in arrivo…

Di seguito, rispondendo ad alcune delle più comuni domande che ci vengono rivolte, cercheremo di descrivere alcuni quadri nei quali potresti ritrovare la tua attuale situazione. Ti ricordiamo, semmai ce ne fosse bisogno, che solo una visita specialistica può individuare con certezza la causa di un problema odontoiatrico e che solo un odontoiatra potrà risolverlo nei migliore dei modi. Buona lettura!

Vale la pensa salvare a tutti i costi un dente? Cosa succede se lo tolgo e lascio lo spazio vuoto?

La perdita di un dente dovrebbe sempre essere trattata e anche in tempi brevi. Oltre agli ovvi problemi di masticazione, lo spazio vuoto provoca lo spostamento progressivo degli altri denti. Il dente antagonista tende a scendere (o a “salire”) nello spazio rimasto vuoto e i denti adiacenti a inclinarsi e spostarsi, con perdita irreversibile dell’assetto più stabile e funzionale dei denti. La sostituzione di elementi mancanti può essere realizzata con protesi fissa, ossia un “ponte” ad appoggio sui denti a ridosso dello spazio vuoto, oppure ricorrendo all’implantologia, o ancora con una protesi rimovibile. La soluzione può essere molto buona e soddisfacente (ripristino della funzione, estetica, stabilizzazione delle posizioni dei denti), ma mai quanto era prima col dente naturale… Quanto detto dovrebbe rispondere bene anche alla prima parte della domanda, ossia se “vale la pena salvare un dente”… Che ne dite, vale la pena?

Sento caldo e freddo sotto una vecchia otturazione: cosa può significare?

L’ipersensibilità dei denti agli stimoli termici (caldo e freddo) osmotici (zucchero) e chimici (sostanze acide) è sicuramente una delle principali motivazioni per cui ci si reca dal dentista. Riguardo ai denti che hanno già delle ricostruzioni, c’è spesso la falsa credenza che questi non possano più cariarsi ma non è così! I batteri responsabili della carie possono attaccare il dente lungo i bordi della ricostruzione esistente ed infiltrarsi piano piano in profondità. In questi casi la carie può essere difficile da vedersi ad occhio nudo, per questo il dentista potrebbe aver bisogno di fare delle radiografie per metterla in evidenza. In altri casi pur non essendoci una vera e propria lesione cariosa, potrebbe essersi verificato un sottile distaccamento della ricostruzione dal dente o essersi formata una incrinatura sul dente a livello di una parete rimasta troppo sottile in seguito alla ricostruzione. Anche in assenza di tutti questi elementi, un dente ricostruito può ad un certo punto diventare ipersensibile, ad esempio perché la ricostruzione è molto vicina al nervo. In ogni caso se stai soffrendo di ipersensibilità al caldo e al freddo su uno o più denti faresti bene a prenotare una visita dal dentista.

Se non mi fa male niente, non è meglio aspettare e vedere come va?

I problemi dentari più comuni come la carie e la malattia parodontale (piorrea), se non diagnosticate e trattate tempestivamente peggiorano nel tempo aumentando le difficoltà, i tempi e i costi delle cure che si renderanno prima o poi necessarie. Inoltre ci sono alcune situazioni relativamente rare (riassorbimenti interni o esterni, ad esempio), non accompagnate da particolari fastidi, che risultano curabili solo se intercettate all’inizio! È perciò importante non affidarsi al dolore come unico campanello d’allarme e farsi tenere sotto controllo dal proprio dentista di fiducia.

In seguito a un trauma i denti anteriori di mio figlio ora si muovono leggermente. Che succederà a questi denti?

Il dentista dovrà prima di tutto valutare la presenza di eventuali fratture dentali e il danno subito dalla polpa dentale (nervo). I test sulla polpa devono essere ripetuti anche a distanza di tempo perché spesso le conseguenze del trauma possono manifestarsi anche a distanza di tempo. In caso di dolore irreversibile, ascessi e gonfiore facciale la terapia è il trattamento endodontico (detto anche cura canale o devitalizzazione). Tuttavia, dove possibile, e specialmente se chi ha ricevuto il trauma è ancora in crescita, si cercherà di mantenere la polpa vitale con ogni mezzo per permettere la corretta formazione della radice che potrebbe essere ancora immatura

Ho un dolore fortissimo da tre giorni e non riesco a capire quale dente sia. Potrebbe essere una pulpite?

Un dolore riferito ai denti, molto intenso, diffuso, che aumenta con le bevande calde o fredde e con la posizione distesa è tipico di una pulpite. La diagnosi precisa e la localizzazione del dente sarà competenza del dentista a cui è bene rivolgersi prima possibile per una rapida risoluzione del dolore e per evitare ulteriori complicanze, come un ascesso (gonfiore, dolore, febbre). La terapia è il trattamento endodontico (o terapia canalare, anche detta devitalizzazione). In qualche caso si dovrà porre la pulpite in diagnosi differenziale con una sinusite, una patologia questa che può spesso “mimare” un mal di denti. Solo un accurata visita da parte di un professionista esperto potrà evitare di trattare il dente sbagliato!

Mi è stata diagnosticata una frattura radicolare. Devo assolutamente estrarre il dente?

La frattura dentale può essere causata da un trauma unico e violento o da microtraumi di modesta entità ma ripetuti nel tempo (come avviene col bruxismo o digrignamento patologico). L’effetto del trauma dipende anche dalla resistenza del dente. Un dente già trattato endodonticamente e ricostruito è ovviamente meno resistente di un elemento sano e integro. La frattura si dice “completa” quando il dente si separa in due o più parti . In quest’ultimo caso, specie se la frattura si estende alla radice, potrebbe essere necessario estrarre il dente. In caso di frattura parziale (incrinatura) non si ha separazione netta del dente e può esserci dolore combinato sia alla masticazione sia al caldo/freddo (Sindrome del dente incrinato). In questo caso si potrà sperare di evitare l’estrazione con opportuni interventi e restauri tesi a contrastare il propagarsi dell’incrinatura. In caso di bruxismo l’attuazione di terapie specifiche (come un bite notturno, per esempio) possono prevenire danni altrimenti irreparabili.

Il dentista mi ha detto che devo rifare la cura canalare su un dente già curato dieci anni fa a causa di un granuloma. Io però non ho mai avuto nessun problema… perché la devo rifare?

Non c’è necessità di ritrattare endodonticamente un dente se non c’è dolore, infezione interna o se la radiografia non mostra lesioni. Anche in assenza di dolore, però, è possibile che un dente già sottoposto a terapia canalare presenti un’infezione al suo interno tale da determinare una lesione nell’osso intorno alla radice (granuloma). Non si tratta di un tumore, ma una reazione infiammatoria dell’organismo per arginare il propagarsi dell’infezione. Queste lesioni possono essere causate da una cura canalare incompleta o da una vecchia ricostruzione del dente che col tempo ha lasciato infiltrare microrganismi all’interno. Se non curati possono ingrandirsi e possono riacutizzarsi occasionalmente con ascesso (dolore e gonfiore) che infine determina la perdita del dente. Se un dente con granuloma dovesse essere sottoposto ad un nuovo restauro il dentista che si occuperà di questo diverrà responsabile anche della cura canalare di quel elemento dentario, anche se non eseguita da lui; pertanto potrebbe giustamente richiedere di rifare una cura canalare ritenuta inadeguata anche se questa non ha determinato nessun problema fino a quel momento.

Contattaci ora… Oppure chiama!